Auto abbronzanti. Come e quando.

Autoabbronzanti
Autoabbronzanti

Non sei il tipo da stare ore e ore sotto il sole, ma adori avere una tintarella sana ed estiva? Allora prova la crema autoabbronzante. Facile, veloce e assolutamente priva di effetti collaterali.


Se ti piace ADVERSUS iscriviti alla nostra newsletter per ricevere i nostri aggiornamenti via email. Fai click qui per iscriverti.

Sono passati i tempi in cui l’autoabbronzante macchiava oppure copriva la pelle con colorito tendenzialmente giallo o arancione. Gli autoabbronzanti donano una tinta dorata, solare, e molto molto naturale.

Alternativa validissima alla lampada, perché non pericolosa per la pelle, scaccia in meno di un paio d’ore il grigiore invernale della pelle. Fate un peeling prima dell’applicazione e stendetelo uniformemente su tutta la superficie. Ricordatevi di lavare le mani subito dopo l’applicazione per evitare che i palmi si colorino.

L’autoabbronzante si basa su una reazione con le cellule superficiali della pelle. Nel corso di pochi giorni la tinta sparisce perché le cellule morte si staccano dalla pelle (si tratta di un processo normale che avviene anche senza l’auto-abbronzante).

L’autoabbronzante non è pericoloso per la pelle e non la fa invecchiare. Potete esporvi al sole (oppure fare una lampada) anche dopo aver applicato l’autoabbronzante.

Ricordatevi però che l’abbronzatura ottenuta grazie all’autoabbronzante non protegge contro i raggi uv. Dunque, non fatevi ingannare dalla tinta dorata, ma applicate, quando vi esponete al sole, le creme solari che mettete sempre.

Charlotte Mesman

Se ti piace leggere ADVERSUS, abbonati gratuitamente alla nostra newsletter settimanale, ogni settimana nella tua mail. Fai click qui per saperne di piu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.