Benvenuti in una nuova internet di censura invisibile. Un mondo in cui Google, YouTube, Facebook, Twitter decidono cosa dovete pensare

Così con la scusa delle fake news Facebook, YouTube e Twitter su tutti hanno iniziato a decimare i profili di chi, anche con milioni di followers, non è allineato all’informazione ufficiale.

Benvenuti in una nuova internet di censura. Un mondo in cui Google, YouTube, Facebook, Twitter decidono cosa dovete pensare
Benvenuti in una nuova internet di censura. Un mondo in cui Google, YouTube, Facebook, Twitter decidono cosa dovete pensare

È stata una estate calda, sotto tutti i punti di vista. È stata anche l’estate in cui i cosiddetti colossi (staremo a vedere) di internet si sono mossi all’unisono, probabilmente seguendo gli stessi ordini che arrivano dall’alto per completare il processo di conversione di internet. E di chi usa internet. Cioè praticamente tutti. Da una internet che (questa sì una bufala) doveva essere libera e indipendente, ad uno sgorbio irriconoscibile in mano ai soliti gruppi di potere.

Forse giova fare un breve riassunto delle puntate precedenti, per capire come sta prendendo forma questa orwelliana formula che dovrebbe portarci alla nuova internet, alla nuova società plasmata dai social media.

Parte tutto dal pretesto delle cosiddette fake news. Un concetto non nuovo sviluppato appositamente per poter screditare chi non fa informazione allineata, una parola d’ordine che permette di etichettare ed attaccare chiunque non sia mainstream media. Anche in Italia i media tradizionali ci si sono buttati a testa bassa sulla storia delle fake news e sulla necessità di tutelare i lettori, perché gli ordini che hanno ricevuto (lo si capisce senza grossi sforzi) erano di iniziare la campagna di persuasione.

https://www.corbettreport.com/a-brief-history-of-fake-news/

Così con la scusa delle fake news Facebook, YouTube e Twitter su tutti hanno iniziato a decimare i profili di chi, anche con milioni di followers, non è allineato all’informazione ufficiale. L’estate del 2018 rimarrà famosa proprio per l’offensiva dei social media contro l’informazione alternativa. Soprattutto negli Stati Uniti, ma come sapete quello che parte da là… poco dopo arriva dalle nostre parti.

Facebook e Google sono in coda, in ginocchio e con il cappello in mano, per riprovarci in Cina. Come sappiamo la libertà di espressione non è proprio il punto di forza della società cinese, e Facebook e Google stanno adeguandosi alle regole imposte dal governo cinese per poter tentare di avere accesso a questo enorme, ricchissimo mercato. Per fare quello che gli viene imposto dal governo cinese Facebook, Google e compagnia devono sviluppare algoritmi e sistemi di censura molto raffinati, per impedire che informazioni sgradite al governo possano essere lette. Chiaramente scrupoli zero, il business innanzitutto, Facebook, Google e compagnia ci stanno mettendo tutto il possibile per soddisfare il loro nuovo padrone e stanno sviluppando la nuova generazione di censura online che probabilmente stanno già testando anche dalle nostre parti. E se non lo stanno facendo, lo faranno. Internet come luogo di scambio di idee e libera informazione? Hahaha…

https://phys.org/news/2018-08-google-censor-friendly-china-source.html

Shadow banning. È la nuova censura. Fa meno rumore. Consiste nel non bloccare un profilo Facebook, Youtube, Twitter ecc… ma nel fare in modo che praticamente quasi nessuno riceva i loro aggiornamenti. Quindi anche se uno ha milioni di followers, pochi lo leggono, è come se urlasse nel deserto. Molto subdolo, ma d’altronde Google, Facebook e compagni sono nati subdolamente, al DNA non si sfugge.

http://www.foxnews.com/tech/2018/07/25/twitter-slammed-for-shadow-banning-prominent-republicans.html

D’altronde internet è nato da un progetto DARPA del Pentagono. Cosa potevamo aspettarci? È un’arma come un’altra. Solo che questa non fa boom. Facebook e Google sono dei progetti militari, finanziati con denaro di cui solo in parte si conosce l’origine.

https://medium.com/@giacomo_59737/the-web-is-still-a-darpa-weapon-31e3c3b032b8

https://www.corbettreport.com/the-weird-darpa-facebook-coincidence-you-never-heard-about/

https://www.zerohedge.com/news/2017-08-28/how-cia-made-google

Lo stesso vale per i risultati dei motori di ricerca. Se una volta, agli inizi di internet, una ricerca portava le pagine più rilevanti, adesso non è più così. Adesso decidono loro quello che dobbiamo ricevere nell’elenco dei risultati, tra una pubblicità e l’altra. E se il risultato che salta fuori non dovesse essere abbastanza in linea con la verità ufficiale, stanno iniziando ad affiancare avvisi di allarme fake news, stanno iniziando ad inserire link a contenuti più ufficiali ed approvati, insomma ci guidano per mano perché siccome siamo dei coglioni loro ci aiutano a ricevere la giusta informazione.

https://www.theverge.com/2018/3/13/17117344/youtube-information-cues-conspiracy-theories-susan-wojcicki-sxsw

BTW, quando Wikipedia – il sogno orwelliano di ogni grande fratello, una enciclopedia modificabile in cui non occorre nemmeno bruciare i vecchi articoli, basta aggiornarli e rimuovere quelle parti che non sono in linea con le direttive – che anni fa da un giorno all’altro è finita in cima a qualsiasi ricerca su Google chiede soldi ai propri lettori a me viene da ridere. Ma voi glieli date?

E già che parliamo di Wikipedia, diamole un senso per leggere come i media già negli anni ’50 erano in mano ai servizi segreti, CIA in testa

https://en.wikipedia.org/wiki/Operation_Mockingbird

Se lo dice Wikipedia, sarà vero… no?

Facebook ha anche annunciato di stare sviluppando un sistema di punteggio affidabilità per i suoi iscritti, nell’interesse della sicurezza e della affidabilità. Sicuramente. Prepariamoci ad un sistema di punteggio sociale come quello che ormai ha preso piede in Cina. Esempio: sei amico sui social di qualcuno che parla male del governo o esprimi idee poco ortodosse? Il tuo punteggio ne risentirà, potresti avere problemi ad ottenere un mutuo, aprire un contro in banca, imbarcarti su un aereo… forse è meglio eliminare quella cattiva compagnia dal tuo elenco di amici, cosa ne dici?

https://www.zerohedge.com/news/2018-08-21/facebook-reputation-score-exposed-echoes-china-social-credit-system

https://www.wired.com/story/age-of-social-credit/

Stanno iniziando a monitorare le attività off-social degli iscritti. Cosa significa? Che se hai un canale YouTube, una pagina Facebook, un profilo Twitter perfettamente tranquilli, ma da altre parti esprimi idee ed opinioni contrarie alle direttive, queste ultime potrebbero causare la chiusura dei tuoi profili social, anche se in questi parli solo di allevamento delle api. Chiaro il concetto? D’altronde Google ha da poco rimosso il celeberrimo “Don’t Be Evil” dal proprio codice di condotta. Quindi può fare quello che vuole adesso. Giusto?

https://gizmodo.com/google-removes-nearly-all-mentions-of-dont-be-evil-from-1826153393

La pubblicità di Google, la onnipresente e indiscreta pubblicità che tutto segue e tutto controlla, può essere revocata in ogni momento e senza spiegazione nè possibilità di appello. Cosa significa questo? Che un editore che guadagna (poco) grazie alla pubblicità di Google deve fare molta attenzione a non infrangere le (appositamente) fumose regole di Google Adsense. Parli di tumore al seno? Non puoi avere la pubblicità di Google su quella pagina, non sia mai che la parola seno sia associata a qualcuno dei loro advertisers… esprimi idee politicamente poco corrette? Attento che ti possono togliere la pubblicità. Cosa significa questo? Significa che uno deve iniziare ad auto censurarsi, a pensare bene prima di pubblicare qualcosa, perché bene che gli vada gli tolgono la pubblicità su quella pagina. Male che vada perde tutto.

http://www.informationclearinghouse.info/article41436.htm

Più o meno quello che è successo negli ultimi mesi ad una marea di Youtubers che si sono visti chiudere il canale, e/o demonetizzare i video perché i contenuti erano ‘contrari alle famigerate community guidelines’. Che cazzo sono queste community guidelines?

https://www.youtube.com/watch?v=pJzfy0g7Y3E

Intendiamoci, poiché siamo tutti dei coglioni, è tutto nel nostro interesse. Già siamo stati rincoglioniti dalla televisione, chi la guarda, portati in basso fino al punto in cui il lavoro di appiattimento cerebrale può adesso essere completato da internet. Notizie filtrate e censurate senza che nessuno se ne accorga. Canali YouTube chiusi o shadow-bannati, pagine Facebook chiuse o punite con un blocco di un mese, shadowbannate probabilmente anche quelle, risultati di Google manipolati per evitare che noi coglioni leggiamo qualcosa che è meglio non si sappia, messaggini su Twitter shadowbannati anche loro e profili Twitter chiusi, bloccati, in punizione…

https://www.counterpunch.org/2017/10/26/cowardly-new-world-alternative-media-under-attack-by-algorithms/

Ma da un quadro così desolante, che cosa volete che salti fuori? Una internet dove potete star certi che quello che leggete, o i video che vedete, sono stati pre-approvati, o sono il frutto di autocensura, o sono stati appositamente prodotti per inculcare nelle masse determinate idee.

Con in più, il bello dell’interattività, la possibilità di verificare l’impatto che queste tecniche di manipolazione hanno sulla massa, in tempo reale. Analizzando il tono dei messaggi pubblicati suoi social, studiando le abitudini di navigazione degli iscritti ai social (e non), monitorando una miriade di indicatori che a noi non dicono nulla, ma che a chi di lavoro fa quello di analizzare i big data… permettono anche di capire con quale piede vi siete alzati dal letto stamattina.

https://www.corbettreport.com/socialmedia/

A questo aggiungiamoci l’invasione della internet of things che sta entrando nelle automobili di nuova generazione, sempre connesse e che tutto sentono, che sta entrando in casa negli elettrodomestici e nei gadgets elettronici, ai vari amazon Echo e Google Assistant… agli smartphone con i vari Android e iOS… a Windows 10 che fa quel cazzo che gli pare nel vostro computer e nessuno si lamenta più… e potremmo davvero continuare, purtroppo anche molto a lungo.

https://www.globalresearch.ca/the-whole-point-of-the-internet-of-things-is-so-big-brother-can-spy-on-you/5580182

Morale della favola? Il futuro è grigio, ma chi ha un cervello funzionante può fare molto per proteggersi da questa offensiva finale che in nome della sicurezza, della corretta informazione, del benessere mentale (sì anche questa scusa hanno trovato) sta cercando di prendere il controllo delle nostre vite. Come una mandria di mucche che vengono indirizzate ora a destra ora a sinistra.

Come difendersi? Iniziando a rendersi conto che Google, Facebook, Twitter eccetera non sono nostri amici. Che nella migliore delle ipotesi siamo un prodotto commerciale nelle loro mani. Che un giorno tutto questo loro controllo e potere ci farà pentire amaramente di non aver aperto gli occhi prima. Siamo ancora in tempo. Pensateci.

(ndr. in questa pagina non troverete le pubblicità di Google Adsense, i motivi li avete già letti sopra)

ADVERSUS

 
 
NOVITÀ SU ADVERSUS