Boicottare San Valentino? Perché no?

Boicottare San Valentino? Perché no?
Boicottare San Valentino? Perché no?

San Valentino è forse la ricorrenza più commerciale di tutto il calendario. Forse se la gioca con il natale, ma in ogni caso è una di quelle occasioni dell’anno in cui più ci viene ricordato quanto è bello spendere i nostri risparmi. A comando. Quanto spendere, come spendere.


Se ti piace ADVERSUS iscriviti alla nostra newsletter per ricevere i nostri aggiornamenti via email. Fai click qui per iscriverti.

Dal tradizionale mazzo di rose rosse alla scatola di cioccolatini (per i più sfigati che non possono permettersi altro), passando per una cena in uno di quei ristoranti in cui ti spellano letteralmente vivo con menù fissi ispirati alla festa degli innamorati.

Ma perché fermarsi ad una cena quando si può sfruttare, evviva l’originalità, questa festa magari addirittura per dichiarare imperituro amore, sigillando una richiesta di matrimonio nientepopodimenoche con un anello. Un anello con brillante. Che è per sempre (e che in caso di separazione poi non torna indietro chiaramente). O – in caso di limitata disponibilità economica – con dei romanticissimi orsacchiotti di pelouche.

Ci avete mai fatto caso? San Valentino è una festa ‘unidirezionale‘. Cosa significa? Che il messaggio è rivolto a LUI. L’anello lo deve comprare lui, e regalarlo a lei. La cena la deve offrire lui. La dichiarazione d’amore la deve fare lui. La lingerie sexy la deve comprare lui (sperando che lei non si senta troppo grassa nel mini perizoma che lui ha scelto, con il rischio di una serata disastrosa invece delle ‘nove settimane e mezzo’ auspicate). Tutto, in occasione di san Valentino, parla di lui che deve corteggiare, celebrare, onorare… lei.

E lui? Lui niente. San Valentino è un po’ come l’otto marzo, è un’altra festa della donna. Fino ad oggi. Ma negli ultimi tempi, diciamo nell’ultimo paio di anni, pare che il coro di critiche a questa festa commerciale e, diciamolo – senza molto senso, si stia irrobustendo.

Sono infatti sempre di più gli uomini che si rifiutano apertamente di celebrare la festa degli innamorati. Sono partiti dagli Stati Uniti dove il movimento MGTOW (cosa è? Cercate su Google) è in progressiva inesorabile crescita. E questo nuovo modo di vedere il rapporto uomo-donna sta prendendo sempre più piede anche dalle nostre parti.

E allora, cosa farete il 14 febbraio? Cena romantica e regalo? Dichiarazione d’amore? Un anello per lei, di quelli che poi le sue amiche muoiono di invidia? Davvero? Sicuri? Pensateci, magari cambierete idea, quest’anno.

ADVERSUS

Se ti piace leggere ADVERSUS, abbonati gratuitamente alla nostra newsletter settimanale, ogni settimana nella tua mail. Fai click qui per saperne di piu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.