Come dirle: non ti voglio più. Come chiudere una storia quando non vuoi più continuare

Come dirle: non ti voglio più. Come chiudere una storia quando sei tu che non vuoi più continuare
Come dirle: non ti voglio più. Come chiudere una storia quando non vuoi più continuare

Quando hai deciso che lei non fa per te e che continuare significa solo spostare nel tempo una inevitabile rottura. Quando ti rendi conto che con lei non scatta più la scintilla, anche se concretamente non ti ha mai fatto nulla di male, anzi. Quando vuoi riprenderti la tua libertà, senti il bisogno di vivere nuove esperienze, senti che stai soffocando e non sai come fare perché lei con te dopo tutto ci sta bene…

Lei con te ha fatto dei piani, i suoi genitori sono molto contenti della vostra relazione, anzi ti trattano quasi come uno di famiglia. Ma non basta, perché gli scenari possibili possono essere ancora più complessi, e prevedere un matrimonio, magari dei figli. Abbastanza per far venire i capelli grigi prematuramente a qualsiasi uomo.

Come ci si deve comportare in questi casi? Quando tu non sei più felice, e sai che all’interno di questa relazione non lo sarai mai. Quando soprattutto non c’è un problema tangibile ed evidente, intendiamo non ci sono liti continue o problemi che tutti possono vedere, ma il disagio – il tuo disagio – è lì, sempre lì, e non passa. Cosa fare?

Di solito si inizia a parlarne con gli amici. E i consigli che si ricevono sono sempre più o meno gli stessi. Vedrai che tutto si sistemerà, sarà una fase, magari cerca di parlarne con lei, tieni duro non puoi mettere a rischio la coppia, la famiglia. Sacrificati.

E tu pensi che sì, magari passerà, ma l’esame di coscienza lo hai già fatto, e tu con lei non ci vuoi più stare. Non ti piace più, è cambiata, non ti attira più, ha altre idee sul futuro, ha altre aspettative, non siete più in sintonia e forse non lo siete mai stati davvero.

E tu pensi che hai tanta voglia di far saltare tutto, di ripartire anche da zero, ma di vivere la tua vita al massimo, senza un freno a mano tirato, e soprattutto senza la gabbia che nel tempo ti sei fatto crescere intorno.

Come si gestisce una situazione di questo tipo? Intendiamo, quando hai deciso di chiudere davvero, quando la tua decisione è irrevocabile, quando sei strasicuro che non vuoi più andare avanti con lei, ma nessuno, lei in primis, si aspetta una mossa del genere?

Innanzitutto, forse è utile elencare quali sono i comportamenti da evitare, quelli che fanno male inutilmente, quelli che non servono a nulla, quelli che aprono nuovi fronti di crisi e di malessere. Quelli che però molti uomini usano pensando di fare la cosa giusta.

  • Non inventarti una storia con un’altra pensando che la renderà più propensa ad accettare di chiudere il rapporto.
  • Non recitare la parte dell’uomo intrattabile ed odioso sperando che sia lei ad arrivare alla conclusione che forse è meglio lasciarsi.
  • Non chiuderti in te stesso, non torturarla, non metterla in condizione di venirti a chiedere continuamente cosa c’è che non va.

Invece, per quanto difficile, l’intenzione di chiudere una storia va gestita e comunicata in maniera chiara, calma, matura.

  • Abbi molto ben chiari davanti a te e motivi per cui non vuoi più continuare.
  • Trova il momento giusto, e il luogo giusto, per affrontare il discorso.
  • Non dare a lei la colpa, quello che vuoi ottenere è di riuscire a concludere – non senza dolore per entrambi – una storia che non vuoi più, non iniziare a litigare.
  • Renditi conto che quello che ti appresti a fare è quanto di più drammatico possa capitare nella vita di una coppia, e comportati di conseguenza.
  • Renditi conto che la decisione è tua, e che dovrai riuscire a motivarla con calma, con onestà, e con senso di responsabilità.
  • Preparati a subire una reazione che potrebbe essere anche violenta, e cerca di non perdere mai la calma.
  • Falle capire che la tua è una decisione ponderata, dolorosa anche per te, ma irrevocabile.
  • Cerca di capire quello che le sta passando per la testa, e falle capire quanto sia difficile anche per te questo momento.
  • Molto probabilmente non accetterà la rottura, magari ti chiederà un po’ di tempo per vedere se le cose si sistemano. Valuta la sua richiesta. A volte è necessario un po’ di tempo per digerire ed elaborare il trauma della richiesta di separazione.
  • Se necessario, senza esagerare perché potrebbe diventare controproducente, accetta anche di riconoscere le tue colpe in questa situazione, non gettare addosso a lei tutta la responsabilità.
  • Se ti chiede di andartene, e ne hai la possibilità (prima di affrontare un discorso come questo bisogna aver previsto questa eventualità soprattutto se vivete insieme) fai come ti chiede.

E poi, segui il tuo istinto, ma ricordati sempre che se la decisione è ragionata, motivata, e ben ponderata, per quanto dolorosa e terribilmente difficile, è anche forse la decisione giusta per te.

ADVERSUS

Se ti piace leggere ADVERSUS, abbonati gratuitamente alla nostra newsletter settimanale, ogni settimana nella tua mail. Fai click qui per saperne di piu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.