Dialoghi della barba

Dialoghi della barba
Dialoghi della barba

La Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e DLUI/La Repubblica, il 14 novembre, alle 18, presentano la seconda edizione dei “DIALOGHI DELLA BARBA”, primo “festival della barba”, nato da un’idea di Giovanna Zucconi: parole, immagini e musica per raccontare quello che non è soltanto un semplice fenomeno di massa e di moda.

La barba di un individuo è il racconto di sé stessi, è esplorazione di nuove mascolinità, è emblema di tribù diverse e di nuove creatività. È un territorio culturale in gran parte inesplorato, che tocca la storia del pensiero e quella del costume, l’arte e la politica, la musica e il fashion.

Dopo la prima edizione che si è tenuta a Milano (aprile 2016), i partecipanti alla seconda edizione dei Dialoghi della Barba sono il critico d’arte Luca Beatrice, l’hair stylist Franco Curletto, il giornalista de La Stampa e curatore della rassegna L’Essenziale Luca Ferrua, il fotografo Giovanni Gastel, il critico enogastronomico e giornalista de La Repubblica Luca Iaccarino, il fashion editor de La Repubblica.it Simone Marchetti, il manager del ristorante spazio7 Emilio Re Rebaudengo, il musicista Saturnino. Conduce Giovanna Zucconi, giornalista e creatrice di Serra&Fonseca/BeABeard.

Dialoghi della barba
Dialoghi della barba

In occasione dei Dialoghi della Barba, Franco Curletto farà un grooming show negli spazi della Fondazione: una dimostrazione dal vivo di taglio e cura della barba che coinvolgerà il pubblico presente.

Oltre ai “dialoghi”, nel bookshop della Fondazione, dal 14 novembre al 4 dicembre, la mostra Dialoghi della Barba/Aspettando L’Essenziale esporrà le foto e i video di Giovanni Gastel che ritraggono volti noti (e contemporanei) con la barba. La mostra anticipa la terza edizione della rassegna sulla cultura del profumo L’Essenziale, organizzata dal Circolo dei lettori di Torino dall’1 al 3 dicembre.

Dialoghi della barba
Dialoghi della barba

Se ti piace ADVERSUS iscriviti gratis alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.