Dimagrire e mantenere (o aumentare) la massa muscolare

Dimagrire e mantenere (o aumentare) la massa muscolare
Dimagrire e mantenere (o aumentare) la massa muscolare

Come è cambiato l’approccio del fitness a queste esigenze? Una volta si parlava di ‘fase della massa’ in cui si mangiavano quantità abbondanti di tutto e ci si allenava con pesi molto pesanti, e poi di ‘fase della definizione’ dove la dieta era tirata, si evitava accuratamente ogni attività aerobica (che era nemica della massa…) e ci si allenava con pesi più leggeri e più ripetizioni. È ancora così? Lo chiediamo a Paolo Marchini – Personal Trainer a Milano

 Massa muscolare e dimagrimento. Come si fa?

Oggi non esistono grosse differenze nei protocolli di allenamento fra le due fasi, i protocolli di allenamento posso essere simili in entrambe, ma la differenza sostanziale è l’approccio alimentare.

L’alimentazione ha sempre rappresentato una chiave fondamentale in entrambe le fasi, anche se applicata in maniera differente.

In passato nel periodo di massa, si ricercava l’aumento del peso, con un’alimentazione ipercalorica ed iperglucidica, senza porre grossa attenzione alla composizione corporea ottenuta, in questo modo, nella successiva fase di definizione ci si doveva sottoporre a diete drastiche per poter raggiungere l’obiettivo ricercato.

Ad oggi invece, si pone molta più attenzione al bilanciamento dell’alimentazione in modo da non accumulare quantità di massa grassa eccessiva, ma solo quanto necessario per permettere un ottimo progresso di aumento muscolare, così in fase di definizione avremo un regime alimentare chiaramente ipocalorico, ma non eccessivo.

L’attività cardio viene correttamente bilanciata ed introdotta anche nel periodo di massa, appunto per gestire e mantenere sotto controllo le percentuali di massa grassa ricercate, verrà poi integrata ed aumentata nella fase di definizione.

Non parliamo di bodybuilders, chiaramente, ma di chi vuole un fisico asciutto, tonico, muscoloso. Come va impostata la tabella di allenamento quando si vogliono dei risultati che vadano oltre il semplice ‘mi tengo in forma’? Quanti allenamenti settimanali, come suddividere i gruppi muscolari, che pesi usare?

Non c’è ovviamente un protocollo valido per tutti, prima cosa bisogna capire la struttura della persona, ed il suo biotipo, la condizione attuale, il pregresso sportivo, eventuali problemi posturali e definire il suo obiettivo.

Gli allenamenti sono nettamente differenti anche se parliamo di uomo o donna.

A questo punto si crea un protocollo di allenamento che a seconda delle fasi sarà strutturato in maniera differente, un protocollo ottimale per una persona mediamente allenata è strutturato almeno su 4 allenamenti a settimana.

Gruppi muscolari, pesi ed attività cardio, devono essere definiti in base alle caratteristiche fisiche di cui abbiamo parlato ed agli obbiettivi personali.

Ringraziamo Paolo Marchini, Personal Trainer a Milano
http://www.fitnessmilano.com

 
 
NOVITÀ SU ADVERSUS