La crisi e la sua influenza sulla coppia

La crisi e la sua influenza sulla coppia
La crisi e la sua influenza sulla coppia

Mai come in questo ultimo paio di anni mi è capitato di ricevere notizie di coppie – amici e parenti, che hanno deciso di separarsi. Coppie consolidate intendo, non storie estive o recentemente iniziate. Insicurezza, problemi economici, perdita del posto di lavoro (problemi veri o magari percepiti solamente) possono avere un effetto molto negativo sulla stabilità della coppia, anche di quelle apparentemente più solide. Ne parliamo con la D.ssa Francesca Cenci – Psicologo, psicoterapeuta, psicologo dello sport.

La crisi che stiamo attraversando si sta facendo sentire anche sotto questo punto di vista. Perché – secondo lei – una coppia solida inizia a scricchiolare in queste circostanze? Perché è normale, oppure perché era solida solo all’apparenza? 

Io credo che qualsiasi coppia sia solida in condizioni di serenità globale e di assenza di problemi. Purtroppo è quando iniziano ad insinuarsi degli ostacoli o delle insidie, le relazioni vengono messe a dura prova. I problemi economici, che oggi purtroppo stanno colpendo la maggioranza delle persone di certo non aiutano, in quanto creano preoccupazioni, problemi pratici, ansie per il futuro, instabilità, tutte componenti che non possono che peggiorare la nostra vita quotidiana, quindi se non si è più che uniti e in completa sintonia è molto facile perdersi.

Quando l’insicurezza economica si insinua nella serenità di una coppia, quando irritabilità e incomprensioni prendono il posto dell’affetto e dello spirito di collaborazione reciproca è già troppo tardi per rimediare, oppure è ancora possibile recuperare la coppia?

Sicuramente quando accade ciò compaiono delle grandi criticità, ma tutto dipende sempre dalla volontà delle due persone a recuperare, dal loro desiderio di continuare a stare bene, dalla loro capacità di sacrificio e soprattutto dall’intensità del sentimento che li lega. Dopotutto, la qualità dell’amore che unisce è l’unico vero collante che fa la differenza.

Non abbattersi, per nessun motivo al mondo e reagire sempre subito di fronte alle avversità. Non recriminare o rimuginare sul passato.

Come affrontare, dal punto di vista psicologico, la crisi e i problemi che questa si porta dietro? Quale è l’atteggiamento più indicato dal punto di vista psicologico, anche per proteggere se stessi e la serenità della coppia, da tenere in periodi come questi?

Sicuramente restare positivi e fiduciosi per prima cosa. Non abbattersi, per nessun motivo al mondo e reagire sempre subito di fronte alle avversità. Non recriminare o rimuginare sul passato, evitare di essere lamentosi o malinconici. Evitare di scaricare le colpe sull’altro, errore molto comune ma assumersi le proprie responsabilità. Parlare sempre di tutto, non nascondere al partner nulla, non dire bugie e non trattenere pensieri. In poche parole, condividere tutto e in ogni momento, solo così si può stare bene insieme, nonostante le difficoltà.

Alessio Cristianini per Margherita.net

Francesca Cenci Psicologo, psicoterapeuta, psicologo dello sport
Francesca Cenci Psicologo, psicoterapeuta, psicologo dello sport

Francesca Cenci Psicologo, psicoterapeuta, psicologo dello sport.
Nel corso di questi anni ha lavorato in svariati contesti di cura pubblici e privati come psicologo clinico, si è specializzata in rapporti di coppia e in sostegno alla genitorialità e il suo blog “due cuori e una famiglia” è molto seguito. Attualmente svolge la libera professione in due Poliambulatori privati a Salsomaggiore e a Parma, è consulente per due strutture psichiatriche del gruppo Gesin Pro.ges. ed è uno dei preparatori mentali della Federazione Italiana Tennis. Viene spesso invitata in programmi TV come psicologo, in qualità di esperto, http://www.francescacenci.it

Se ti piace leggere ADVERSUS, abbonati gratuitamente alla nostra newsletter settimanale, ogni settimana nella tua mail. Fai click qui per saperne di piu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.