Michele Scimè. Professione fotografo. Quando la tua passione diventa la tua professione

Ho iniziato un po’ come tutti, per caso. Le prime foto le ho scattate con una vecchia reflex analogica trovata a casa, non avevo soldi per comprare una reflex digitale.

Photo Courtesy of MIchele Scimè Ph.
Photo Courtesy of MIchele Scimè Ph.

Ogni fotografo ha uno stile che lo caratterizza. Se iniziate a seguire il lavoro di un fotografo vedrete che dopo un po’ sarete in grado di riconoscere le sue foto anche solo vedendole pubblicate su una rivista, o nel book di una modella. Michele Scimè è sicuramente uno di quei fotografi che lasciano una firma attraverso la luce, i colori, e soprattutto il mood della foto stessa. Le modelle fotografate da Michele diventano forti, trasgressive, sempre moderne e con un tocco di ironia.

In questa intervista Michele Scimè ci parla dei suoi inizi come fotografo, del suo equipaggiamento tecnico, dell’importanza di stabilire un buon rapporto con la modella sul set fotografico. E di altre cose. Leggete.

Photo Courtesy of MIchele Scimè Ph.
Photo Courtesy of MIchele Scimè Ph.

Come sei diventato fotografo? Come hai iniziato?
Ho iniziato un po’ come tutti, per caso. Le prime foto le ho scattate con una vecchia reflex analogica trovata a casa, non avevo soldi per comprare una reflex digitale. Non nascondo che all’inizio ho incontrato molte difficoltà, sopratutto per l’impossibilità di avere un feedback istantaneo (dovevo attendere quasi due settimane per vedere le fotografie). Col senno di poi posso dire che ne è valsa la pena. Successivamente ho risparmiato per comprare una reflex digitale e poco dopo ho iniziato a lavorare come assistente in uno studio fotografico. Dopo questa esperienza ho mi sono trasferito a Milano per studiare fotografia.

Se tu non fossi diventato fotografo, cosa avresti voluto diventare ‘da grande’?
Non lo so, forse il fumettista o il costruttore di biciclette personalizzate.

Parliamo di equipaggiamento. Che macchina, e che obiettivi usi?
Principalmente uso una Canon EOS 5d mkII, in aggiunta a questa ho una Fujifilm xe-1 con un 35mm f/1.4. Per la canon invece ho due lenti fisse: il 50mm e l’85mm. In più uso un flash canon 430.
Uso anche una serie di reflex analogiche e compattite (come la Olympus XA).

Photo Courtesy of MIchele Scimè Ph.
Photo Courtesy of MIchele Scimè Ph.

Ogni fotografo ha una preferenza tra il lavoro in studio, e quello in esterni. Studio o esterni? E perché?
Preferisco lo studio, è più facile da gestire ed è uno “spazio protetto” in cui poter lavorare senza che altri disturbino.

Ti ricordi ancora la tua prima macchina fotografica?
Certo, la uso ancora oggi, una Canon EOS 3000n

E il tuo primo, vero, lavoro retribuito come fotografo?
Il mio primo lavoro è stato una campagna pubblicitaria per una compagnia di ballo.

Photo Courtesy of MIchele Scimè Ph.
Photo Courtesy of MIchele Scimè Ph.

Quanto conta la tecnica e la scuola, nell’epoca della fotografia – e della post-produzione – digitale?
La tecnica è importante perché ti fornisce le basi per poter poi sviluppare il tuo stile. Così come la post-produzione. L’importante è che tutto sia finalizzato all’ottenimento di un risultato e non alla soddisfazione del proprio ego.

Quanto è importante secondo te l’aspetto psicologico su un set fotografico, nei rapporti tra il fotografo e la modella, con il cliente…
Tantissimo. E’ importante stabilire un buon feeling con la modella, altrimenti non sarà mai a proprio agio.

Quello della moda, e della fotografia di moda, è un campo molto difficile. Non conta solo la bravura del fotografo, chi sceglie i fotografi per i redazionali di moda o per le campagne pubblicitarie segue logiche a volte poco… logiche. Tu come la vedi, e quali sono i consigli che puoi dare a chi vorrebbe provare ad intraprendere questa carriera?
Non arrendetevi mai. Scattate tanto, trovate il vostro stile e capite cosa vi piace davvero. Siate sinceri, non mentite mai a nessuno, sopratutto a voi stessi. Bisogna lavorare molto sia sul set che, cosa più importante, fuori dal set.

Michele Scimè
Fotografo
https://www.michelescime.com/
http://instagram.com/michelescime

ADVERSUS

 

Se ti è piaciuto questo articolo, non perdiamoci di vista. Aggiungi ADVERSUS ai tuoi preferiti. Basta premere contemporaneamente i tasti CTRL e D sulla tua tastiera. Prova! :-)

LINK SPONSORIZZATI
TOP ARTICOLI SU ADVERSUS

Send this to a friend