Esercizi per i pettorali

Come allenare i pettorali. I pettorali sono la dannazione di moltissimi frequentatori assidui e motivati delle palestre. Non si è mai soddisfatti dei propri pettorali…

Esercizi per i pettorali
Esercizi per i pettorali

Non si è mai soddisfatti dei propri pettorali. Troppo rotondi, troppo poco sviluppati nella parte centrale, o nella parte alta… troppo piatti. Siamo come delle donne, a volte, come se le dimensioni delle nostre ‘tette’ contribuissero a renderci più attraenti. In effetti, parere personale, è forse vero il contrario. Pettorali ben scolpiti, non troppo voluminosi, sarebbero da preferire almeno da un punto di vista estetico.

Ma come fare? Come impostare un allenamento con i pesi che permetta di sviluppare in maniera completa, e senza appesantire troppo i muscoli pettorali?

Premettiamo che la genetica gioca un ruolo fondamentale. La forma dei vostri pettorali, la loro predisposizione a svilupparsi più o meno velocemente, la loro forza, tutto dipende inizialmente dal patrimonio genetico. Ma chiaramente una pezza possiamo mettercela con un allenamento impostato in maniera corretta. Basta sapere come fare.

In questo articolo proveremo a darvi qualche dritta utile ad impostare, o a correggere, l’allenamento dei pettorali. Obiettivo di questo articolo: pettorali tonici, scolpiti, ben definiti e sviluppati anche nelle zone tradizionalmente più carenti. La massa bruta, in questo caso, non solo non ci interessa ma cercheremo di evitarla.

Per questo motivo, i pesi non saranno mai troppo alti, ma dovranno consentire l’esecuzione corretta di almeno 15-12 ripetizioni per ogni serie.

I tempi di recupero non dovranno superare i 45 secondi tra una serie e l’altra.

L’esecuzione degli esercizi dovrà essere curata, dovrete sentire il muscolo che lavora, e non preoccuparvi di quanto è pesante il peso che state spostando.

La scelta degli esercizi è molto importante. Consigliamo di scegliere tre esercizi tra quelli elencati qui sotto, per 3-4 serie da 15-12 ripetizioni ad esercizio. Scegliete gli esercizi a rotazione, tre ogni volta.

  • Panca piana con bilancere, presa media
  • Piegamenti (o flessioni) sulle braccia meglio se con due maniglie presa media
  • Press con manubri su panca inclinata a 45 gradi
  • Press con manubri su panca piana
  • Pull over con manubrio su panca piana
  • Parallele con busto orizzontale rispetto al pavimento

Ogni volta che vi allenate, scegliete tre di questi esercizi, e cercate di eseguirli nella maniera più corretta possibile, a velocità controllata, senza far ‘rimbalzare’ i pesi e senza inarcare la schiena o utilizzare altri metodi per imbrogliare. La corretta esecuzione è fondamentale.

Gli esercizi per i pettorali dovranno cercare di stimolare in maniera completa il gruppo muscolare, ma la gran parte dell’efficacia dipenderà non tanto dall’inclinazione o dal tipo di esercizio, quanto dalla vostra abilità nel contrarre e ‘sentire’ il muscolo che lavora.

Infine due parole sulla dieta. Un bel petto, magari anche degli addominali scolpiti, è senza dubbio valorizzato da uno strato di grasso sottocutaneo che sia il più sottile possibile. Se avete dei pettorali ben conformati e tonici, ma ricoperti da uno strato di grasso che li nasconde…. che ci fate? Niente. Quindi, oltre ad allenare correttamente i pettorali, curate anche la dieta, non ve ne pentirete.

ADVERSUS

TOP ARTICOLI SU ADVERSUS