Pal Zileri primavera estate 2020. Voglia di estate

Con i bermuda giganti, le giacche senza maniche, i blazer guerrieri, le camicie e i costumi stampati e le driving shoes composite, gli uomini di Pal Zileri rivelano una fluidità senza ostacoli e…

Pal Zileri Primavera Estate 2020
Pal Zileri Primavera Estate 2020
Pal Zileri Primavera Estate 2020
Pal Zileri Primavera Estate 2020
Pal Zileri Primavera Estate 2020
Pal Zileri Primavera Estate 2020
Pal Zileri Primavera Estate 2020
Pal Zileri Primavera Estate 2020
Pal Zileri Primavera Estate 2020
Pal Zileri Primavera Estate 2020
Pal Zileri Primavera Estate 2020
Pal Zileri Primavera Estate 2020
Pal Zileri Primavera Estate 2020
Pal Zileri Primavera Estate 2020
Pal Zileri Primavera Estate 2020
Pal Zileri Primavera Estate 2020

Il capriccio, inteso come genere artistico e musicale, poco o nulla ha a che fare con la volubilità distratta e capricciosa della cultura contemporanea. Si direbbe anzi esserne l’opposto speculare: una visione sincretistica e profondamente personale nata dalla ossessione, studio e attenzione per mondi in apparenza inconciliabili che trovano la propria ragione di coesistere nell’estro, o capriccio, dell’autore. In un capriccio tutto torna: personaggi di fantasia e fregi di pura invenzione, esotismi sfrenati, guizzi d’ingegno, classicismi anabolizzati e delizie naturali.

Rocco Iannone costruisce il quarto capitolo del proprio racconto in divenire per Pal Zileri, una storia di mascolinità che s’evolve accogliendo gentilezza, sprezzatura, frivolezza, proprio intorno a questa idea. L’incontro letterario con Il rosa Tiepolo di Roberto Calasso, e la scoperta di quel romanzo nero, abbagliante e sconcertante che sono le trentatrè incisioni de i Capricci e gli Scherzi dell’artista veneziano, danno la stura ad un capriccioso affastellarsi di ispirazioni che dagli orientalismi del Castello di Sammezzano e le meraviglie spumose di Palazzo Borromeo all’Isola Bella passa per le incisioni di Giovanni Battista Piranesi e arriva infine ai pastiche di Franco Battiato materializzandosi, adesso, in un bagno turco.

Un percorso ad anse, nel quale si delinea un punto di vista – opinabile, perché il sottinteso è sempre “secondo me”, ma autentico e sentito – perché per Iannone l’autorialità è un modo per far propria la ricchezza di segni del contemporaneo senza subirla. Ma questo è pensiero pregresso: spinta dinamica di un percorso stilistico fatto di abiti veri, i cui volumi importanti, le cui spalle decise, i cui twill di seta dai camouflage allegorici e jute dalla mano corposa rimandano agli anni Ottanta, eden di capricci realizzati.

Con i bermuda giganti, le giacche senza maniche, i blazer guerrieri, le camicie e i costumi stampati e le driving shoes composite, gli uomini di Pal Zileri rivelano una fluidità senza ostacoli e senza sforzi che del capriccio racconta la spregiudicatezza e fisicità, hic et nunc.

TOP ARTICOLI SU ADVERSUS