Etro collezione moda uomo primavera estate 2023

Etro collezione moda uomo primavera estate 2023
Etro collezione moda uomo primavera estate 2023

La poesia, oggi, ha qualcosa di utopico: oppone la purezza del sentimento alla necessità di essere concreti, pragmatici, produttivi; celebra l’otium contemplativo a favore del negotium industrioso. Serve a molto quando l’opinione comune è che non serva a nulla. Eppure la poesia ha una potenza selvaggia e primordiale: nasce dall’urgenza profondamente umana di dar forma a impressioni, umori, sensazioni, esprimendoli attraverso la parola. Nel suo etimo crudo significa, semplicemente, fare, comporre.

Questa collezione, annunciata da versi inviati nell’etere ad personam e recitati al telefono, celebra la poesia come utopia realizzata e modo di dar forma al caos interiore. Sentimentale nel movimento che la genera, è un florilegio carnoso e carnale di sentimenti delicati e sensuali, composti in una lingua che li asciuga e li ritma per amplificarli. Il processo di riduzione e alleggerimento è lo stesso del comporre versi: si scarnifica per massimizzare.

Etro collezione moda uomo primavera estate 2023
Etro collezione moda uomo primavera estate 2023
Etro collezione moda uomo primavera estate 2023
Etro collezione moda uomo primavera estate 2023
Etro collezione moda uomo primavera estate 2023
Etro collezione moda uomo primavera estate 2023
Etro collezione moda uomo primavera estate 2023
Etro collezione moda uomo primavera estate 2023
Etro collezione moda uomo primavera estate 2023
Etro collezione moda uomo primavera estate 2023
Etro collezione moda uomo primavera estate 2023
Etro collezione moda uomo primavera estate 2023
Etro collezione moda uomo primavera estate 2023
Etro collezione moda uomo primavera estate 2023
Etro collezione moda uomo primavera estate 2023
Etro collezione moda uomo primavera estate 2023

Il ritmo circadiano segue il percorso di una giornata: apre nella delicatezza bianca e neutra del mattino, brucia nella luce zenitale che arde, scintilla in un notturno stellato, percorso da trame metalliche.

È un lussureggiare di fiori e di motivi, su forme che invece appaiono essenziali, come un distico o un haiku: il caftano, il kimono, la souvenir jacket, ma anche il blazer chiuso da un obi, il pullover, la camicia, e poi gli shorts da boxeur, la camicia lunghissima, il cappotto leggero immateriale.

Il corpo maschile si percepisce dietro le reti, attraverso le perforature del sangallo che percorrono maglie e camicie, nelle trasparenze di materie impalpabili come le sete dei caftani, i lini degli abiti e il cotone metallizzato, sotto il fluire di rasi stropicciati nei completi sartoriali, la sensualita’ dei costumi da bagno indossati con la camicia. I volumi sono morbidi, e accompagnano il movimento.

Scarpe dalle suole di corda e sandali suggellano l’idea di leggerezza. Altrimenti si va scalzi, per riconnettersi alla terra, celebrando la poesia come utopia del dolce far niente, ma del massimo peso, venata di erotismo gentile.