Malattie a Trasmissione Sessuale e rapporto orale

Spesso si tende a considerare 'rapporto sessuale' a tutti gli effetti solamente l'atto sessuale completo, quello che nella percezione comune si identifica con il rapporto sessuale, e cioè la cosiddetta 'penetrazione'. Su questo tipo di rapporto si concentrano solitamente le raccomandazioni, prendiamo ad esempio quelle sul 'sesso sicuro' e sul corretto uso del preservativo, oltre a quelle legate a possibili gravidanze, che però esulano da questo articolo.

Eppure vi sono altri 'rapporti di tipo sessuale' che vengono spesso non considerati come tali, o comunque non considerati degni di precauzioni, di cui si trascura la potenziale pericolosità nella trasmissione di patologie, batteriche o virali, o di micosi. Stiamo parlando dei rapporti orali (altrimenti detti 'fellatio' e 'cunnilungus') e del ben più comune bacio.

Su questo argomento, e cioè sulle malattie sessualmente trasmissibili che possono essere trasmesse attraverso un bacio o un rapporto orale non protetto, abbiamo intervistato il Prof. Alessandro Natali, Responsabile Servizio di Andrologia Urologia Clinica Urologica 1 dell'Università degli Studi di Firenze. Ecco cosa ci ha spiegato.

Quali possono essere definite Malattie a Trasmissione Sessuale?

In questa categoria, caratterizzata dall'acronimo MTS, entrano malattie sostenute da virus quali la Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (AIDS) sostenuta dal HIV, l'infezione erpetica oro-genitale ( sostenuta dai virus herpes simplex tipo 1 e 2) , l'infezione da papilloma virus (HPV), nonché malattie sostenute da batteri quali la Sifilide e la Gonorrea, oltre a quadri patologici sostenuti da parassiti endocellulari quali la Chlamydia o da protozoi o miceti (funghi) quali rispettivamente il Trichomonas o la Candida


Un rapporto orale, la cosiddetta fellatio, non protetto può mettere il soggetto 'ricevente', oltre a quello che pratica la fellatio, a rischio di contrarre delle patologie o si tratta di una pratica relativamente sicura, anche se non protetta?

Bisogna chiarire un concetto fondamentale riguardo alle MST . Queste malattie si trasmettono con la stessa frequenza sia con il rapporto sessuale classico penetrativo ( vaginale e/o anale ) ma anche con il rapporto oro-genitale. Quindi nella classica "fellatio" sia il soggetto "ricevente" che il "praticante" sono a rischio di MTS se uno dei due è infetto. Per cui questa pratica non è assolutamente da considerare sesso sicuro soprattutto se praticata con partners non abituali e conosciuti

Quali sono le patologie più facilmente trasmissibili attraverso un rapporto orale non protetto?

Tutte le MTS sono trasmissibili attraverso un rapporto orale non protetto. Ovviamente poi entrano in gioco fattori favorenti la trasmissione come la carica infettante del virus, batterio, fungo o protozoo in gioco, la presenza di ferite a livello del cavo orofaringeo, soprattutto per l'HIV, nonché la promiscuità dei rapporti

E in un rapporto con una donna, nel quale l'uomo pratica il cosiddetto 'cunnilingus', a quali rischi ci si espone?

Per il " cunnilingus" vale né più né meno quanto riportato per la "fellatio"

Il bacio è immune da rischi, oppure vi sono anche qui delle patologie trasmissibili anche con un semplice bacio?

Ovviamente con il semplice bacio, soprattutto per il breve periodo di esposizione ad eventuali fattori infettanti, le possibilità di trasmissione sono enormemente ridotte, ma teoricamente possibili

Quali le raccomandazioni che si sente di fare ad un ragazzo che non vede grossi pericoli nelle pratiche qui sopra descritte?

Di avere le stesse accortezze e precauzioni che avrebbe nel caso di un rapporto penetrativo vaginale e/o anale soprattutto con partners occasionali.

Grazie

Alessio Cristianini | ADVERSUS

Si ringrazia il Prof. Alessandro Natali
Responsabile Servizio di Andrologia Urologica Clinica Urologica 1 Università degli Studi di Firenze
website: http://www.profnatali.it/

LINKS SPONSORIZZATI