“Sono solo vecchi”. La polemica forse fuori bersaglio sulla percentuale di decessi causa Coronavirus tra i più anziani

Leggo a pezzi un titolo qua e un titolo là, e mi pare che si stia organizzando una piccola levata di scudi (per fortuna comunque) a difesa delle persone più anziane – tra le quali si conta…

How Low Can You Go? - ADVERSUS
How Low Can You Go? – ADVERSUS

Leggo a pezzi un titolo qua e un titolo là, e mi pare che si stia organizzando una piccola levata di scudi (per fortuna comunque) a difesa delle persone più anziane – tra le quali si conta il maggior numero di decessi per Covid-19 – che verrebbero considerate ‘spendibili’ e per le quali la reazione popolare sarebbe ‘tanto sono vecchi’.

Forse in questa levata di scudi c’è un po’ di retorica, forse un eccessivo buonismo fuori bersaglio, forse una limitata comprensione del funzionamento della mente umana, forse un po’ di tutto questo, forse niente di tutto questo. E comunque nulla di male, anzi, meglio così piuttosto che il contrario.

Ma il punto secondo me è che di fronte alla paura di essere contagiato, di morire (questo hanno sparato i giornalai nelle prime fasi di questa brutta storia) è umano provare un senso di sollievo nell’apprendere di non essere il più a rischio.

Quando i media hanno dovuto cercare di allentare la paura, non troppo – giusto il minimo necessario, hanno iniziato a snocciolare l’età media (81 anni) di chi è deceduto (anche) a causa del nuovo coronavirus, e a rivelare che la gran parte dei decessi riguardava persone anziane con patologie preesistenti.

A questo punto pare che la reazione sia stata del tipo “tanto sono vecchi”. Mi pare strano, onestamente.

Propendo piuttosto per un “io non sono vecchio, quindi forse speriamo che me la cavo…” unito ad un parziale sospiro di sollievo.

Così come penso un parziale sospiro di sollievo per il proprio destino lo avrebbe tirato un ultraottantenne alla notizia che la fascia di età più colpita è esclusivamente quella dei 30enni. Io lo avrei tirato, ma non avrei certamente pensato “tanto sono trentenni…”

È naturale, è umano. Siamo tutti angosciati dall’idea di morire, e il ‘mors tua vita mea’ di classica memoria non lo avevano coniato a caso. Non è una questione di discriminazione verso i più anziani, non nell’Italia che conosco e che nonostante tutto non è ancora cambiata cosi tanto (se fossimo in un paese nord europeo forse ci potrei anche credere).

ADVERSUS

 

Leggi Margherita.net, il magazine per le donne online. Fai click qui

 

Se ti è piaciuto questo articolo, non perdiamoci di vista. Aggiungi ADVERSUS ai tuoi preferiti. Basta premere contemporaneamente i tasti CTRL e D sulla tua tastiera. Prova! :-)

LINKS SPONSORIZZATI
TOP ARTICOLI SU ADVERSUS

La Nuova MINI Countryman

Il modello più grande e versatile della famiglia di modelli MINI regala nuovi stimoli al piacere di guida e fascino individuale nello stile distintivo del marchio premium britannico. Design preciso…

La nuova BMW X2 xDrive25e

SAC compatto che combina sportività con efficienza e un’autonomia elettrica fino a 57 chilometri * – nuove caratteristiche di design ed equipaggiamento anche per le varianti di modello con motore a combustione della BMW X2.