Come mantenere la pelle giovane. Le buone abitudini

Come mantenere la pelle giovane. Le buone abitudini
Come mantenere la pelle giovane. Le buone abitudini

Quali le abitudini più sane ed utili, alimentari, cura della pelle, per cercare di contrastare l’invecchiamento fisiologico della pelle sin da giovani?

Risponde la D.ssa Mariuccia Bucci – Dermatologo Plastico e NutriDermatologo

E’ importante contrastare l’invecchiamento sin da giovani, perché già a partire dai 30 anni cominciano ad innescarsi quei meccanismi “invisibili” che creano danni cellulari e che in qualche modo possiamo “fermare” attraverso una sorta di prevenzione. È importante prevenire l’invecchiamento attraverso un’alimentazione corretta, sane abitudini di vita (es. evitare eccessive esposizioni solari), scelta accurata del dermocosmetico giusto, etc.

Per ottenere una condizione di benessere della pelle è opportuno alimentarsi con cibi che siano fonti naturali di micronutrienti (es. retinolo o vitamina A, vitamina E, vitamina C, acarotene, bcarotene, licopene, luteina, zeaxantina, antiossidanti, minerali) o in alternativa integratori che li contengano.

Bisogna evitare gli junk food, cioè hamburger e patatine, ma anche pizzette, focacce e snack: tutti i cibi ricchi di grassi e di zuccheri che aumentano nelle cellule il fenomeno dell’infiammazione e quello della glicazione che distruggono collagene ed elastina. Per evitare tali fenomeni bisogna sostituire  la carne con il pesce, gli snack e junk food con le verdure e mangiare ogni giorno frutta fresca, noci e  semi (di zucca,, di sesamo).

Andrebbero anche contenute le calorie per non andare oltre il peso forma; si dovrebbero effettuare 30 minuti di esercizio fisico almeno 4 volte alla settimana; utilizzare acidi grassi salutari, dall’olio di oliva e noci all’olio di semi di lino; mangiare almeno 5 porzioni di frutta fresca di stagione e/o vegetali al giorno; limitare l’assunzione di glutine, evitandola almeno a giorni alterni; consumare pesce almeno 2 volte alla settimana; mangiare tra i 50 e 75 g al giorno di cioccolato fondente (>70%); ridurre l’apporto di zucchero e sostituirlo con il miele; consumare 1/2 bicchiere al giorno di vino rosso; e naturalmente porre uguale attenzione quando si mangia fuori casa.

E’ necessario cercare di neutralizzare quotidianamente i radicali liberi, per esempio, con integratori a base di acido alfalipoico, antiossidante quattro volte più potente della vitamina E, disponibile in compresse. Infatti, non solo neutralizza l’effetto distruttivo di queste sostanze su collagene ed elastina, ma stimola la produzione d’energia nelle cellule, “ricaricandole” di giovinezza. La dose ideale è di 50 mg a colazione e a pranzo, 100mg durante i periodi di esposizione al sole.

Sarebbe utile, anche, usare tutti i giorni una protezione solare. Se potessimo calcolare la quantità di UV che si accaniscono contro la nostra pelle quando usciamo di casa, ci accorgeremmo che un anno di vita all’aria aperta in città equivale a ben 4 settimane di sole intenso alle Maldive. Prima di uscire, quindi, è meglio utilizzare una crema con schermo solare adatto al proprio fototipo e, comunque, con un fattore protettivo non inferiore a 25.

Di notte è meglio usare una crema al retinolo per lisciare la pelle, stimolare la produzione di collagene ed elastina, migliorare la circolazione del sangue e aumentare la resistenza dell’epidermide all’attacco dei radicali liberi.

Bisognerebbe esfoliare la pelle una volta la settimana. Col tempo, la pelle perde tonicità e i pori si dilatano, ancor più se sono ostruiti da sebo o residui di make-up. Per rimediare è bene eseguire una volta a settimana a domicilio, utilizzando un kit per la micro dermoabrasione o un peeling all’acido glicolico o lattico. L’incarnato è visibilmente più levigato e luminoso.

La raccomandazione migliore rimane, dunque, oltre al consiglio dermatologico, l’utilizzo sinergico di alimenti e/o integratori e di prodotti cosmetici specifici per uso topico.

L’assorbimento orale di nutrienti, associato all’uso di cosmetici appropriati, agendo direttamente sui meccanismi molecolari basilari, possono rappresentare un valido aiuto per proteggere la pelle stessa dai principali aggressori quali raggi UV, inquinamento atmosferico e radicali liberi contribuendo a prevenire i segni prematuri dell’invecchiamento.

Ringraziamo la D.ssa Mariuccia Bucci
Dermatologo Plastico e NutriDermatologo
Co-Fondatore e Responsabile Scientifico ISPLAD (International Italian Society of Plastic Regenerative and Oncologic Dermatology)
Sito web: http://www.mariabucci.it

ADVERSUS In collaborazione con MARGHERITA.NET. MODA, TENDENZE CAPELLI, DONNE, OROSCOPI

Se ti piace ADVERSUS iscriviti gratis alla nostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.