Cosa mangiare per (cercare di) aumentare i livelli di testosterone. I cibi ‘amici del testosterone’

Quali sono gli alimenti che ogni uomo sano potrebbe privilegiare nella propria dieta per aumentare i livelli di testosterone in maniera naturale?

Cosa mangiare per (cercare di) aumentare i livelli di testosterone. I cibi ‘amici del testosterone’
Cosa mangiare per (cercare di) aumentare i livelli di testosterone. I cibi ‘amici del testosterone’

Ogni individuo sano, con l’avanzare degli anni, ha un inevitabile calo dei livelli di testosterone. L’età, e forse anche abitudini e stile di vita, sono alla base del calo dei livelli di testosterone. Stiamo parlando di individui sani, chiaramente. Lasciando da parte terapie mediche che non solo competono agli specialisti, ma che possono anche avere effetti collaterali seri, ci concentreremo invece in questo articolo sugli alimenti naturali che potrebbero aiutare a mantenere alto il livello di testosterone prodotto dal corpo nell’uomo.

Gli esperti concordano sul fatto che una dieta ricca di Vitamina D e di Zinco è sicuramente una dieta ‘amica del testosterone’. E di qui ecco nascere tutta una serie di raccomandazioni alimentari di cibi e integratori naturali che contengono dosi importanti di questi due elementi.

Il tonno. Sicuramente un alimento gustoso e ricco di proteine, povero di grassi, dovrebbe far parte della dieta di ogni persona che si vuole tenere in forma. A questo aggiungiamo il fatto che il tonno è naturalmente ricco di vitamina D, e questo ne fa subito uno degli alimenti più indicati per chi vuole dare una spinta alla produzione di testosterone.

Il latte, soprattutto se arricchito di vitamina D, è un altro alimenti importante per la produzione di testosterone. Anche in questo caso, privilegiate se potete il latte magro per evitare di assumere inutilmente calorie derivanti dal grasso (che purtroppo già assumiamo in larghe dosi durante i vari pasti quotidiani).

I cereali, buoni a colazione con lo yogurt, favoriscono la ‘biodisponibilità’ del testosterone.

Anche il tuorlo dell’uovo contiene elevate quantità di vitamina D. In questo caso il tuorlo dell’uovo è anche ricco di colesterolo, quindi attenzione.

Legumi e crostacei, sono atri alimenti che forniscono buone quantità di vitamina D e di zinco.

Le barbabietole, grazie al fatto che contengono un micronutriente che va sotto il nome di Boro, hanno dimostrato la capacità, in vari studi scientifici, di aumentare i livelli di testosterone.

L’olio di oliva è stato oggetto di numerosi studi che hanno rilevato un aumento dei livelli di testosterone nei soggetti studiati dopo aver inserito l’olio di oliva nella propria dieta.

Le noci, di vari tipi, grazie anche al loro contenuto di Selenio, possono avere un benefico effetto sulla produzione di testosterone nell’uomo.

E infine le ostriche. Cibo da ricchi, e spesso considerate un alimenti afrodisiaco, forniscono all’organismo elevate quantità di Zinco che, come dicevamo all’inizio, è considerato benefico per la produzione di testosterone nell’uomo.

Tutto qui. Come vedete non si tratta di una dieta improponibile, ma solamente di inserire nella nostra dieta quei cibi che – chiaramente nessuno promette miracoli – potrebbero aiutare la naturale produzione di testosterone. Parliamo di uomini adulti, e sani.

ADVERSUS

 

Se ti è piaciuto questo articolo, non perdiamoci di vista. Aggiungi ADVERSUS ai tuoi preferiti. Basta premere contemporaneamente i tasti CTRL e D sulla tua tastiera. Prova! :-)

 
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE